Posts Tagged ‘paolo’

Libri: “L’artista di Dio – Biografia di un rapsodico”

18 novembre 2013

di Anna Maria Funari

papa“Emozioni, suggestioni e considerazioni provate e vissute in prima persona…” Con queste parole Michele Paulicelli ha presentato per la prima volta, lo scorso 23 luglio al Fonclea di Roma, il suo libro “L’artista di Dio – Biografia di un rapsodico” pubblicato dalla Robin Edizioni, dedicato a Karol Wojtyla, alla sua opera non solo pastorale.

Con le parole semplici di una persona altrettanto semplice, regala ricordi di Giovanni Paolo II uguali eppure profondamente diversi da quelli che sono sempre stati nell’immaginario comune. (more…)

Annunci

EGOISTA E INSENSIBILE: USCIRE DA QUESTA EUROPA NON E’ UNA BESTEMMIA

14 aprile 2011

È davvero strano come un’idea che si è rivela­ta per molti versi un fallimento o quantome­n­o un vasto insuccesso sia protetta da radica­to tabù che rende difficile se non impossibi­le sottoporla a un serio vaglio critico.

Parlia­mo ovviamente dell’idea di Europa e della sua ver­sione politica, laUe, e di quella economica, l’euro. In parte questo tabù è do­vuto al fatto che la sinistra italiana, dopo il tramonto delle ideologie, ne ha fat­to una sorta di fede sostitu­tiva: morta la lotta di clas­se si è aggrappata ai tratta­ti di Maastricht. Assieme a questo decisivo contraf­forte ideologico, l’Europa ha piantato radici nell’idea che l’Italia aveva bisogno di un vincolo esterno per non anda­re a rotoli: era la tesi di Guido Carli, convinto che senza una sferza europea adulta e autorevole il nostro Pa­ese sarebbe rimasto una specie di ragazzino scavezzacollo e combina guai. Si tratta di attitudini di pensie­ro dure a morire che hanno sa­cr­alizzato la nostra appartenen­za all’Europa in modo anche più forte di un vincolo costitu­zionale. Così se l’europeismo è un dogma, chiunque lo metta in discussione è un eretico, de­gno di scomunica dal consesso civile.
È un effetto che si vede be­ne nelle reazioni alle parole di Berlusconi a Lampedusa, peral­tro quasi lapalissiane: “O l’Euro­pa è una cosa vera e concreta o meglio dividersi”.

Il presidente del Consiglio è stato trattato come un folle dal­la “grande” stampa e quella sua frase presa a controprova della sua scarsa lucidità. Al contrario Berlusconi ha detto una cosa molto semplice: se l’Europa è solo un guscio vuoto rischia di diventare un alibi all’ombra del quale Paesi più forti fanno pre­valere i loro interessi a detri­mento di quelli deboli. Ma inve­ce­ di farlo in uno scontro in cam­po aperto, con la possibilità per tutti di scegliersi il terreno più fa­vorevole e le alleanze globali più utili, si è costretti a dar batta­glia nel sottobosco politico- lob­bistico di Bruxelles e dintorni. Ieri si è sfogato anche il mini­stro Maroni dopo l’ennesimo “no” della Commissione ai per­m­essi temporanei per gli immi­grati tunisini: “Mi pare che se l’Europa è questa, francamente meglio soli che male accompa­gnati”. Ma l’Europa è questa. Lo si è visto con la crisi dei debiti sovra­ni e della zona euro prima e nell’ emergenza immigrazione dal Nord Africa poi: l’Europa non esiste se non nella gestione bu­rocratica di se stessa, ma nelle evenienze drammatiche e im­previste la soluzione “euro­pea”  finisce col coincidere con l’interesse dei più forti. Così l’Europa ha fatto pagare ai con­tribuenti europei il debito gre­co per proteggere le banche te­desche invase di titoli tossici del governo ateniese e ora aiuta la Francia a chiudere le sue fron­tiere contro l’invasione tunisi­na. Che non esista un politica eu­ropea è arrivato ad ammetterlo persino Romano Prodi, che per anni ne è stato una vestale: “È incredibile – l’ex presidente del­la Ue – vedere come l’Unione Europea sia del tutto imprepa­rata a favorire il cammino verso la democratizzazione (dei Pae­si arabi ndr).
Ci riempiamo la bocca di parole come libertà, di­ritti, democrazia e non abbia­mo nessuna politica pronta… È triste doversi accorgere che la politica estera europea non esi­ste”. Quanto al famoso “vincolo esterno” ne ha fatto giustizia un economista come Paolo Savo­na: “L’Italia ha accettato il vin­colo europeo nella promessa di un futuro migliore che non si è realizzato; anzi stringe la corda attorno al collo che si è volonta­riamente posta. Se l’Italia deci­de­sse di uscire dall’euro essa at­traverserebbe certamente una grave crisi di adattamento, con danni immediati ma effetti salu­­tari, quelli che ci sono finora mancati: sostituirebbe infatti il poco dignitoso vincolo esterno con una diretta responsabilità di governo dei gruppi dirigenti. Si aprirebbe così la possibilità di sostituire a un sicuro declino un futuro migliore”. Anche la stampa europea, quella stessa che viene chiama­ta in causa ogni giorno a ripro­va del discredito del governoBerlusconi si è accorta che qual­co­sa non funziona più come do­vrebbe. “Incapaci di mettere a punto regole comuni per l’asilo ostili ad ogni condivisione del fardello, rifiutando di pensare che la pressione dei clandestini si esercita molto più su alcuni che non su altri, i 27 offrono la desolante immagine di un pote­re senza linea direttrice e senza risposta di fronte alle sfide di do­mani”, ha scritto Le Monde del 9 aprile. Mentre El Pais ha sen­tenziato: “L’Italia si è sentita – e a ragione – abbandonata dall’ Europa”.
Berlusconi e Maroni hanno solo colmato un vuoto e detto chiaramente che anche con l’Italia non si scherza.

(tratto da Il Giornale)
Giancarlo Loquenzi
Link articolo su loccidentale.it